Il Restauro

Il 9 gennaio 1990 quadro della Madonna della Milicia arriva a Palermo, nello studio dei restauratori Antonino Pedone, Riccardo Mazzarino e Aldo Passafiume. Questi si interesseranno della parte pittorica; Rosario Carcione e Giuseppe Perrone cureranno la parte lignea. Tolta la rizza d'argento, che era stata sovrapposta intorno al 1850, si procede ad una ricerca attraverso i raggi ultravioletti con lampada di Wood: vera e propria radiografia al dipinto. Si passa quindi all'esame-ricerca dell'autenticità della pittura con Raggi X. Da questi scrupolosi esami emerge qualcosa di nuovo che era stato coperto lungo i secoli, finanche un altro personaggio tra la Madonna e S. Francesco. Forse il committente.

Il restauto si è articolato nelle seguenti fasi:

  • una prima pulitura viene effettuata con miscela solvente 4A e con Butilamine e Dimetil- formammide;
  • fissaggio del colore alla tavole, tramite iniezioni di Paraloid B72 diluito;
  • velinatura della pellicola pittorica;
  • restauro ligneo che prevede: estrazione dei chiodi, risanamento e raddrizzamento delle assi della parchettatura;
  • rimozione della velina incollata sulla pellicola pittorica;
  • consolidamento delle grosse spaccature dei buchi e di tutti i frammenti profondi mancanti, con riempimento a base di polvere di legno;
  • stuccatura finale a pennello con gesso;
  • preparazione di base con tempera diluita a tinta piatta su tutte le parti stuccate;
  • leggera verniciatura a pennello con vernice trasparente lucida;
  • reintegrazione pittorica limitata soltanto alla ricucitura delle zone mancanti, mediante tecnica del rigatino;
  • doppia verniciatura finale, prima lucida e dopo semiopaca.

L'opera così ricondotta alla sua originaria compostezza, ci lascia trasparire un artista di cultura toscana attento alle tematiche giottesche.

Vedi anche

© 2017 Santuario Madonna della Milicia. All Rights Reserved | Design by Achille Scaravalle